sabato 14 agosto 2010

Stavo pensando...

... ma poi ho lasciato perdere,
troppo caldo,
i pensieri si sciolgono,
come un gelato alla cipolla.
Quindi, buon ferragosto a tutti!
A chi pensa, e parla.
A chi parla, ma non pensa.
A chi non pensa e non parla, ma agisce.
A quest'ultimi in particolare rivolgo l'augurio di un buon ferragosto!
Passato ferragosto, ci aspetta il carnevale di settembre...
Estote parati!

9 commenti:

  1. Il gelato alla cipolla non l'ho mai assaggiato...
    :D
    Buon ferragosto.

    RispondiElimina
  2. Gatto, ieri ho avuto a che fare con una psicoterapeuta...diciamo che non si è ben capito chi abbia psicoanalizzato chi...comunque, il punto è che non ho taciuto davanti alle parole contorte della Dott.ssa che dall'alto della sua poca pratica ma molta teoria, mi ha rifilato degli esempi che mi hanno fatto venire le zecche talmente è stata veloce la mia metamorfosi da donna a cane incazzato! Premetto che il tutto si è svolto in un autorevole forum di psicologia e che l'argomento era serissimo e meritava una risposta chiara, precisa e indiscutibile...cosa che la Dott.ssa pensa di aver fatto! Adesso per tornare al contenuto del tuo post e soprattutto per farci quattro risate ti riporto fedelmente quanto Madame mi ha scritto, però poi promettimi almeno un commento...

    "Trovo che questo "difficile intendimento" possa essere produttivo per più ordini di motivi; per prima cosa perché può aver messo in luce un meccanismo che in lei scatta in automatico appena ha sentore di "somiglianza a", il che la renderebbe maggiormente capace di discriminare ciò che appartiene alla sue relazioni reali rispetto a quelli che invece sono modi di rispondere inconsapevoli alle relazioni primarie su cui si è formata la nostra personalità. Una cosa che molto semplificata suonerebbe come, B mi ricorda A, A era così e cosà e si comportava così e cosà, quindi B è così e cosà si comporta e si comporterà così e cosà. Secondariamente può sperimentare che è possibile affermare se stessi in opposizione ai desiderata altrui."

    Meno male che non ero sull'orlo della disperazione altrimenti mi sarei buttata nel fiume!
    Un saluto,
    Heidi

    RispondiElimina
  3. Carissima, cerco di andare con ordine, perché la tua dott.ssa (che intanto metto in minuscolo, come piccolo segno di disprezzo) mi ha letteralmente pelled'ocato.
    Ero fermo al tuo post del 1° agosto, con l'annuncio delle tue 'ferie'; ritenendolo un congedo provvisorio, letti i relativi commenti, in attesa del tuo rientro non ero più andato sul blog.
    Oggi, visitando il mio, ho trovato un commento sotto il nome Heidi, ma con un avatar conosciuto.
    Subito ho pensato a un furto, e sono andato a vedere chi fosse la ladra; e il mistero è stato svelato dalla tua comunicazione di cambio identità su avatar immutato.
    Sulla tua dott.ssa: secondo me ha studiato troppo, è uscita dai binari e veleggia in un mondo tutto suo, che esclude totalmente la presenza degli altri esseri umani.
    Oppure è una forma di difesa di un suo ipotetico territorio mentale, per cui diagnosi di questo tipo la fanno salire nell'alto dei cieli tenendo a terra i comuni mortali.
    Sei sicura del suo titolo?
    Non è che evasa da qualche struttura protetta, e tenta di praticare su altri teorie acquisite sulla propria pelle, magari facendo un po' di confusione?
    Se dovessi capitarle ancora tra le grinfie, non pensare di buttarti nel fiume: buttaci lei e chiudi il libro.
    Heidi è bello: fa venire subito in mente caprette e monti, che danno un senso di serenità che si va perdendo.
    Ma anche avessi scelto di ribattezzarti Cunegonda o Guendalina, non avrebbe cambiato il tuo essere te stessa.
    Haidi è più 'poetico', senza dubbio...

    RispondiElimina
  4. Gatto ti adoro! Grazie per il commento che in teoria ...non avrebbe meritato commenti, ma noi non possiamo farci mancare una sana presa in giro su qualcuno che se lo merita alla grande!
    Sul mio blog vado e vengo perchè ho ancora un po' di cosette da vedere e poi il 19...che palle!
    Tornerò in modo continuativo dalla settimana prossima.
    A presto,
    Heidi

    RispondiElimina
  5. Il 19, vicino a te, ci sarà un gattonero acciambellato.
    Vedrai, ti porterà fortuna!

    RispondiElimina
  6. Gattonero,in questo post, lei pensa e scrive..quindi non è tra coloro che pensano e parlano o parlano, ma non pensano o che, addirittura,non pensano e non parlano, ma agiscono.
    Riesce a distinguersi sempre e sempre in POSITIVO, mi complimento!

    Con infinita stima...

    Greis

    RispondiElimina
  7. Ho dato un bacio alla santina, come ringraziamento per i complimenti.
    Come al solito, esagerati...
    Ma da una santina esageratamente esagerata in tutto, non ci si può aspettare che esagerati complimenti.
    Quando poi deciderai di tornare in terra a peccare con gli umani, per presto che lo fai sei già in ritardo.

    RispondiElimina
  8. Gatto, forse non hai visto bene il mio blog....c'è una dedica ad gattone nero che amava acciambellarsi sul mio letto. L'ha potuto fare purtroppo per poco tempo; sono passati anni ma io gli voglio sempre sempre un bene dell'anima.
    La tua frase mi ha toccato profondamente.
    A presto,
    Heidi
    P.S: Decisi si chiamarlo Tabù perchè nero come le liquirizie.

    RispondiElimina
  9. eh
    aspettiamo sempre noi!
    NOI!

    e quando arriva godot?

    RispondiElimina