domenica 26 settembre 2010

Dedicato a...


A ciascuno, la propria papera sembra un cigno!
Questo è la nostra cigna... muta.
Muta, ma che fa un casino del campidoglio.
La metto in blog, dedicata espressamente a...
Per dimostrare che la bellezza non è solo dark,
Con un pizzico di fantasia anche la punk non è male!

20 commenti:

  1. ma...ma....è la Stefy in versione punkkkkk!!!!!!!!...belle ste papere vostre!..del resto..ognuno se fa le papere sue...:D

    RispondiElimina
  2. assolutamente d'accordo :D

    D'altronde ogni scarrafone...

    PS: povera Stefania!

    RispondiElimina
  3. Scusa Gatto, ma che animale è esattamente?
    Assomiglia vagamente anche a Bobby Solo versione capello sale e pepe, o sbaglio?
    Heidi

    RispondiElimina
  4. Averne di papere così...

    p.s. ho aggiunto la traduzione.

    RispondiElimina
  5. sicuro che non sia un maschio? mi sembra l'ansimante anatrone della fattoria accanto che mi terrorizzava da piccolo...

    RispondiElimina
  6. @Lorenzo: ora vado; ma la vuoi proprio, eh?

    @Zio: è un maschio, ma quando ce l'hanno dato non lo sapevano; con un lampo di fantasia l'abbiamo chiamata Qua-Qua, e risponde quando lo/a chiamiamo. Diciamo che è un papero trans.
    A noi l'hanno detto che è maschio, ma tu come lo sai?

    RispondiElimina
  7. si capisce da quel rosso attorno agli occhi e sul becco... l'anatra muta è uno di quegli animali che, contrariamente all'homo sapiens, hanno femmine incolori e maschi sgargianti... quel rosso, fatto di materiale simile a quello delle creste di gallina da bambino mi faceva impressione: credevo fosse una specie di rogna deturpante, e che l'animale ne soffrisse e per questo diventasse aggressivo (perché gli anatroni che ricordo io facevano anche abbastanza paura...) Magari questo, invece, chissà com'è simpatico... :D

    RispondiElimina
  8. A me sembra un cigno adolescente, deturpato da brufoli, in astinenza da TOPEXAN! ;-)

    RispondiElimina
  9. @Zio: simpatico un cazzo! Per passare nella sua zona dobbiamo avere o un secchio d'acqua o una canna per allontanarlo. Ha il becco superiore a uncino e appena può azzanna. D'estate, con i calzoncini è un macello... Più le zampe palmate complete di rostri...
    Ma fa parte della famiglia, e, come sai, non tutte le pecore son nere... o viceversa... boh!

    @DivinaStefy: se anche ti somigliasse saresti bellissima.
    La dedica riguardava solo l'acconciatura. Inoltre, questa/o è senza optional: no piercing, no tatuaggio, no orecchino, no dito emblematico... questa/o è nuda, nature come mamma sua l'ha fatta.

    RispondiElimina
  10. non vale!
    è geneticamente modificato!
    :-)

    comunque da bambino mia madre aveva comprato una papera, di quelle bianche, l'ho cresciuta e allevata sul balcone come una figlia ed ero l'unico che non beccava, ci giocavo e l'accarezzavo... poi un giorno è scomparsa e mia madre mi ha detto che era volata via.
    poi mi ha dato da mangiare uno "strano pollo"...

    credo di averla odiata a lungo!

    RispondiElimina
  11. somiglia a un mio quadro astratto! ma è meraviglioso, il papero! e giacché come dici tu è antipatico, ma fortunato perché non lo riducete in arrosto, l'avrai chiamato Gastone, no?

    RispondiElimina
  12. @Itsas: la mamma o la memoria della paperella?
    Ti ricordi, però, quant'era buona?

    CANNIBALE!!!

    Avevamo anche qualche gallina, ovaiole; mano a mano che morivano di vecchiaia, le mettevamo in un sacchetto e le buttavamo.

    Qua-Qua ha più di 15 anni, se e quando morirà la porterò dal calzolaio per farne suole di scarpa, tanto sarà dura la sua pelle.
    Pesa una dozzina di chili, ma in pentola sicuramente non ci finirà...

    RispondiElimina
  13. non sapevo che m'avessi lasciato un commento sul blog delle poesie sai io so convinta che m'ascolta e avvolte s'incazza pure con me grazie ancora !!!!

    RispondiElimina
  14. mia madre!
    quella santa donna...

    ma si può cucinare una papera allevata da me?
    è come se la tua papera (nel senso di consorte) ti preparasse quel pappagone lì...
    sì insomma, arpagone...
    no ...
    il paperone strano...
    insomma quello della foto!

    RispondiElimina
  15. Ricordo tempo fa, in un post avevo definito affettuosamente 'papere' le mie tre arpie, e tu mi avevi chiesto se loro sapevano.
    Non lo sapevano, tanto meno la consorte...
    Adesso le farò leggere che TU l'hai chiamata papera.
    Come ben sai, la verità quasi sempre offende, ma così prenderà atto che dialogo con gente che la verità la dice sempre.
    A costo della vita...

    RispondiElimina
  16. ma, per caso, hanno familiarità con il tritolo?

    no, perché mi ricordo di un altro tuo post...

    RispondiElimina
  17. Non ti preoccupare, sono tutte battezzate, quindi cristiane; il tritolo lo usano solo quando sono a corto di peperoncino...
    Lavorano di fino: ago, filo e temperino.
    Si divertono con poco: col temperino tagliuzzano, poi si pentono, e con ago e filo cuciono.
    Ci ripensano, ritagliuzzano, si ripentono, e con ago e filo ricuciono.
    Non è la fine del mondo, basta farci l'abitudine e fargli vedere che stai al gioco...

    RispondiElimina
  18. E' stupenda porca paletta... Ma la mangerete?

    RispondiElimina
  19. @Rospo: una parola è poco, due sono troppe:

    ASSSSSSSSSSSSSASSSSSSSSSSINO...ino...ino!!!!!

    RispondiElimina