martedì 29 giugno 2010

Rosa e Chiara, la fine

Non mi risultano risposte, verbali scritte fisiche, da parte di Rosa al messaggino di Chiara.
Poco dopo, tra l'altro, la classe è stata divisa in due sezioni, A e B, per cui gli incontri tra le due si sono diradati, anzi evitarsi era diventata norma. Una di qua, l'altra di là.
La divisione della classe era stata messa in atto con una manovra un po' ambigua: un paio di strane iscrizioni avevano consentito di superare il numero massimo di studenti per la classe, da cui l'inevitabile scissione.
Completati i quadri per le due classi, quel paio di iscrizioni erano state disdettate. Cosa fatta capo ha, la divisione è andata avanti per due anni consecutivi.
L'assegnazione all'una o all'altra sezione, avvenuta per sorteggio, aveva casualmente favorito la divisione delle due "amiche".
Quest'anno, con le modifiche imposte dalla signora dell'istruzione, si procederà al riaccorpamento originale.
Questo creerà un paio di piccoli problemi: uno logistico e uno di redditività scolastica.
Il logistico si riferisce alla difficoltà di trovare un'aula abbastanza capiente, nel rispetto minimo della metratura pro capite prevista dai regolamenti. Essendo il classico collegato all'alberghiero, situato in altro complesso edilizio, probabilmente si troverà là una sistemazione. Così greco e latino si impasteranno letteralmente con gli odori di cucinato provenienti dalle cucine dell'istituto.
La redditività: l'attuale sezione A, quella di Rosa, ha visto tutti promossi, con medie discrete e crediti passabili (in questa sezione, peraltro, ha fatto un certo effetto il passaggio indenne di uno studente per il quale, lui per primo e tutti i compagni, era scontato perlomeno il rinvio a settembre, se non addirittura il rinvio totale alla ripetizione dell'anno.
La sezione B ha avuto tre rinvii a settembre, e medie in generale piuttosto bassine.
La A, composta in maggioranza da femmine, nel corso dell'anno si era rivelato un gruppo con tendenze casiniste nei limiti della norma, accettabili per un'età in pieno sviluppo ormonale.
La B, a detta dei prof, era, come si dice, un po' impestatina.
Riunificando, prevarrà la pacatezza della A sulla eccessiva vivacità della B? Questo in termini di condotta.
Come studio: riuscirà la A a terminare il percorso brillantemente costante, iniziato dalla prima ginnasio fino alla seconda liceo, testé conclusa, ovvero il mescolamento con la frangia B avrà ripercussioni negative, accentuate dal fatto di essere l'ultimo anno, quello della maturità?
Se quest'ultima ipotesi, facilmente prevedibile, dovesse avverarsi, le buone medie di tutti questi anni (sempre superiori all'8) finiranno nella spazzatura.
Personalmente non credo che la buona volontà dimostrata in questi anni riuscirà a ripetersi; più facile che la parte negativa riesca a frenare, speriamo non ad annullare, quella positiva.

9 commenti:

  1. prevedo tempi di guerra e guerriglia

    spesso l'accorpamento di classi porta a questo genere di situazioni...
    solo che vaglielo a dire a quegli ignoranti del ministero

    RispondiElimina
  2. Songh'io.
    Penso sia per gli auguri.
    Grazie e un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. auguri Pietro buon onomastico

    RispondiElimina
  4. Grazie anche a te, Amalia.
    Un abbraccio è il minimo che posso offrirti, ma sul virtuale che viviamo è grande come la Terra, e pure oltre.
    Con grande simpatia.

    RispondiElimina
  5. Auguri in ritardo allora anche da parte mia e grazie per la visita! Stavo schiattando dalle risate...

    RispondiElimina
  6. Grazie anche a te, per gli auguri.
    E grazie ancora a te per il blog: è fantastico.
    Però moderati: un rospo schiattato non serve a nessuno.

    RispondiElimina
  7. Pietro, caro.... Qui la Gelmini scoppia, accoppia, scorpora, reincorpora.. E son tutti lì, i prof, a scambiarsi le figurine-alunni...
    Non so come andrà tra Rosa e Chiara, ma so che qui si hanno grosse difficoltà a trovare gli edifici.. chissà come mai..
    Ps. Auguri in ritardo per l'onomastico.. che poi è anche il mio, visto che una mia amica mi ha "tradito" e non volendo, in un commento, ha fatto il mio nome, particolare che tu, gatto sornione, hai fatto finta di ignorare e Itsas no.. :-D
    Ciao micione!

    RispondiElimina
  8. Ma allora siamo colleghi! Grazie per le visite al mio blog.
    Ciao!
    Mari

    RispondiElimina