lunedì 11 febbraio 2013

Dimissioni del Papa

Dolcetto o scherzetto?

36 commenti:

  1. Vero che non ci si crede??
    Mi sembra di rivedere il film Habemus Papam. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quando Lombardi, padre Lombardi, subito prima di andare nella chilometrica conferenza stampa, mi ha telefonato per dirmelo, ho subito pensato al Carnevale ed è nato "Scherzetto o dolcetto?".
      Poco dopo quelli della raccolta rifiuti mi hanno confermato la notizia e non ho potuto più tirarmi indietro.

      Elimina
  2. Se dico "dolcetto" passo per persona cattiva? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per niente, essendo vero è sicuramente "dolcetto" senza cattiveria. Ma anche fosse stato "scherzetto", siamo a carnevale...
      Comunque io l'avrei piazzato sul primo aprile, visto che il primo Pietro era pescatore ci sarebbe stato a fagiolo.

      Elimina
  3. Direi "dolcetto" se non mi ponessi subito la domanda: e dopo? Sono in pensiero... non vorrei che lo scherzetto lo stessero preparando a noi.
    Buona giornata Gattonero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo febbraio passerà alla storia: oggi 11 anniversario dei Patti Lateranensi si dimette il Papa; a fine settimana c'è il festival dell'Unità all'Ariston di Sanremo; il 24, ormai in piena Quaresima, ci sono le elezioni...
      E nevica, da diochecelamanda.

      Elimina
    2. Dimenticavo, è venuto l'amministratore a portare la convocazione per un'assemblea straordinaria, prevista per il 17.
      Comincio a pensare che più che un mese storico questo sia un mese di merda.

      Elimina
  4. Ma non saprei cosa pensare...un papa che si dimette!!!! Bah...ma niente niente è uno scherzo di carnevale???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che lo sia o meno, per noi cambia niente.
      Qualcosa cambierà con le elezioni del 24: c'è la possibilità che, oltre alla cinghia, tireremo anche la corda al collo; ovvero diventeremo tutti ricchi, viste le promesse in campagna elettorale.

      Elimina
  5. e' una nuova Era... speriamo che non si dimetta anche Dio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo facesse prenderemmo un sacco di piccioni con una sola fava: c'è una persona che ambisce a diventare in un colpo solo, nell'ordine, Dio, Papa, presidente della repubblica, presidente del consiglio, più altre presidenze minori.
      Non faccio il nome per scaramanzia...
      Ah, il tutto mantenendo la presidenza di una squadra milanese con maglia rossonera.

      Elimina
  6. anch'io non ci ho creduto, ma se pensi che è già molto vecchio e ha "governato" la chiesa in silenzio anche negli ultimi anni di vita di woytila per cui sa cosa vuol dire essere vecchi, malati e fare il fantoccio davanti alla folla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo molto alla vecchiaia o agli acciacchi; preferisco pensare che si è rotto le palle di una situazione interna che non è in grado di governare.
      Per fortuna, non ci sono più i tedeschi di una volta.
      Resta la Merkel, ma dura minga.

      Elimina
  7. Speriamo sia d'esempio a tanta gente che manco con le manette ai polsi intende dimettersi. O, se lo fa, esce momentaneamente dalla porta per rientrare trionfante da una finestra qualunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, bisogna ammetterlo: sarebbe proprio un gran esempio per molti...
      però mi stupisco della tua ortografia: non si scrive papA? :-))))

      Elimina
    2. Hai ragione, la fretta, i giornali, i tiggì, quelli della raccolta mi hanno rincitrullito...
      Mi rifarò con il successore, su cui già vengono proposte puntate, Africa o Canada. Ma informazioni sottobanco mi dicono che sarà italiA, in teoria per finire la Merkel, in realtà per finire noi.
      Insieme al resto.
      Maramaldo docet, un morto si può uccidere.

      Elimina
  8. Ma dolcetto o scherzetto non si dice ad Halloween?
    È forse un allusione al mondo dei morti?
    No perchè come sai non mi frega nulla della chiesa, fatta di gente incapace di stare al passo coi tempi, ci vedo un mondo di morti che si svegliano solo per i propri tornaconti personali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non sei pratica di chiesa, io non sono pratico di carnescialate in genere; per me carnevale, hallowen, primo aprile, mezz'agosto valgono allo stesso modo. Scherzetto-dolcetto mi è rimasto nella mente, non nel cuore, per la rottura di palle di ragazzini già maturi come imbecilli che venivano a suonare, quando non importa, chiedendo non dolcetti ma lirette (all'epoca quelle c'erano).
      E anche stasera non sono ancora convinto che non salti su un barbagianni vestito di porpora che domani sui giornali dichiari: "Ci hai creduto, faccia di velluto".
      Ormai è tutto uno scherzo, e questo potrà risultare tra i più divertenti ed innocui.
      Altri lo saranno meno, molto meno.

      Elimina
  9. amaro...vediamo che hanno in serbo quelli lì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente ci sarà da divertirsi.
      L'ho detto, un mese di merda, in tanti/troppi sensi.

      Elimina
  10. Pensavo fosse uno scherzetto di carnevale...

    Un bacione

    RispondiElimina
  11. questa notte in sonno ho avuto paura che mi potessero fare Papa, facevo i conti, con i miei 65 anni per arrivare all'età di Benedetto 86, mi stavano davanti altri 21 anni di lavoro. Il lavoro è fatica, paradossalmente mi trovo molto vicino a Benedetto; ha detto la cosa più umana che potesse dire un Papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte il fatto che tu, 65enne, sei ancora un 'ragazzino', leggendo del tuo sogno ti ho pensato bardato come lo sono i papi nelle occasioni ufficiali, ogni volta chiedendomi quanti chili di roba mettono addosso, in questo caso a un 86enne con probabili acciacchi tipici dell'età matura.
      La vecchiaia, checché se ne dica, non è solo uno stato di fatto, essa è di per sé una malattia; per ora non curabile.
      Il saperlo riconoscere, e trarne le debite conseguenze, è sintomo di lucidità mentale. Quella lucidità che è mancata al suo predecessore: nel suo tirare avanti fino alla fine, in quel modo fisicamente misero, non ho visto né eroismo né ricerca del martirio, ma solo incoscienza.
      Ciao (comunque pensaci, avresti ben altro appannaggio che la pensione attuale; da non sapere come e dove spenderli).

      Elimina
  12. Non vedo la necessità di maramaldeggiare con un vecchio. Non è affatto automatica l'equazione per cui chi non crede, come me, debba necessariamente mancare di rispetto al Papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una mente un pochino contorta, il che mi mette sovente nella condizione di essere (giustamente) frainteso.
      Il Maramaldo docet non si riferiva a nessun vecchio, tanto meno a questo Papa.
      Vedi, nonostante queste dimissioni siano un evento storico, mi toccano di sfross, marginalmente.
      Il "morto" maramaldeggiato (cui malamente ho fatto riferimento) siamo noi, gli italiani, e qui il mio pensiero resta concentrato sulle prossime elezioni.
      La previsione di un successore italiano voleva essere un'aggiunta a quello che penso sarà il caos post-elezioni, in cui il peso di un papato nostrano porterebbe a un interesse più diretto nelle nostre vicende, maggiore che nella situazione "tedesca" precedente. E' vero che già adesso, ufficialmente, è la CEI che dirige, ma è pur sempre su indirizzi da più in alto.
      E lo "Scherzetto o dolcetto?" ribadisco che è nato dalla momentanea convinzione che si trattasse di uno scherzo carnevalesco, tanto appariva incredibile. Avessi aspettato un'oretta, appresa la verità dell'annuncio, non lo avrei postato, non tanto per una forma di rispetto, quanto per la lontananza della notizia dai miei interessi generali.
      Ciao, non so quanto sia chiara questa precisazione, volevo solo dire che il mio rispetto per le persone in genere, per gli anziani in particolare poiché più deboli, va ben oltre l'abito che essi portano, sia questo una tiara o uno straccio.

      Elimina
    2. Non vedo nemmeno la necessità di fare complicate elucubrazioni su "eventi storici".
      Un Papa ha rinunciato, ne eleggeranno un altro, all'interno di una cerchia ristretta.
      Cosi come in Italia non cambia nulla quando cambiano i governi, cosi nella Chiesa non cambia nulla di sostanziale quando cambia il Papa.
      Anzi, la Chiesa è esistita fino ad ora proprio perché ha cercato di cambiare il meno possibile a fronte di "eventi storici".
      Il Papa parla in latino, una lingua caduta in disuso da almeno mille anni.

      La ragione per cui se ne parla su tutti i giornali è che ormai siamo bombardati di gossip. E siamo bombardati di gossip perché è adeguato al livello del fruitore della informazione.

      Elimina
  13. non credo che tu abbia la mente contorta...si ho letto tutti i commenti e ti dico che hai fatto bene a fare questo post,così ci conosciamo sempre meglio!^_^

    l'idea che ci siano 2 papi non la vedo molto logica,il papa non è 1 solo?O_O

    un buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Correzione: siccome la nomina a Vescovo è un sacramento, non può essere revocata.

      Quindi Ratzinger non può ri-diventare Cardinale.

      Può dimettersi da Vescovo di Roma per diventare Vescovo di Roma Emerito, come fanno tutti gli altri Vescovi che ad una certa età si dimettono e diventano appunto "emeriti", mantenendo lo "episcopato" sulla diocesi in questione.

      Elimina
    3. grazie mille per la spiegazione,allora si vede che sono atea!^_^

      Elimina
    4. Guarda anche io ho dovuto controllare su Wikiepdia, ero convinto che sarebbe tornato Cardinale, da cui la correzione.

      Probabilmente la questione del " Vescovo emerito" deriva dal fatto che il Vescovo tradizionalmente rassegna le dimissioni al papa a 75 anni. Una volta pochi diventavano tanto vecchi quindi aveva senso parcheggiarli per un breve periodo come "emeriti" invece di gestire la cosa in maniera più complessa. Oggi che la vita si allunga tutte queste prassi cominciano a vacillare.

      Elimina
  14. La fine di un pontificato è sempre "dolcetto". Quello che segue si chiama "scherzetto".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' come la fine dei governi in generale, ma in particolare da noi.
      Cade, o si dimette, il governo: dolcetto.
      Anche qui lo scherzetto viene dopo.
      Ciao.

      Elimina
  15. Io faccio pubblicamente ammenda di una mia colpa. Quando c'era sul trono di Pietro Voitilaccio credevo che questo cardinal Ratzinger fosse un tipico teutone, difensore della fede ad oltranza, non mi fidavo del suo aspetto mite. Poi lo hanno fatto Papa. Io non sono un credente di ferro, di quelli che santificano le feste, si confessano e si comunicano almeno una volta all'anno, non sono un baciapile, ma sono purtroppo ultra critico con la Chiesa di Roma. Eppure non ho potuto fa a meno di notare l'amabile dolcezza. l'educazione, l'umiltà di questo Papa, il non voler mai andare oltre il suo ministero, il rispettare tutti gli altri incondizionatamente. Stupenda l'intervista rilasciata a DEr Spiegel dopo la sua visita ad Auschwitz, dove dichiarò di avere pianto constatando ciò che l'uomo -per di più suo connazionale- avesse potuto intraprendere contro i suoi simili.
    Ebbene questo uomo vecchio, stanco, forse anche sofferente ci vuole risparmiare lo strazio che invece il suo predecessore ha ostentato con fierezza. È disceso dalla croce prima di perdere le forze necessarie a morire in santa pace come un comune mortale e non come il Vicario di Cristo.
    Io, da non credente di ferro ma credente all'acqua pura con poco sale, ho provato una immensa commozione e un infinito rispetto per questa sua decisione.
    Un grande gesto di un grande papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un fatto di presa di coscienza dei propri limiti fisici, traendone le debite conseguenze.
      Il Voitilaccio di Benigni, restando sul trono fino alla fine, ha chiesto e ottenuto la pietà della gente. Quella stessa pietà che non si nega a chi soffre, chiunque sia e qualunque sia il suo ruolo in questo mondo. Hai detto bene: una sofferenza ostentata, che, a parte la pietà naturale, non ha portato alcun giovamento alla Chiesa e ai suoi fedeli.
      Il gesto di Ratzinger appare molto più vicino alla realtà: la consapevolezza di non essere più fisicamente in grado di guidare questo popolo che in lui confida(va), decidendo di togliere il disturbo prima che la malattia lo "obbligasse" a restare in vista fino alla fine, credo sia un insegnamento migliore. Che la novità dell'evento rende ancora più apprezzabile.
      Gli esperti sono già al lavoro per individuare i perché e i percome di questa decisione, con lo stile chirurgico di un'autopsia, quasi a non voler accettare che una persona di circa 86 anni (così giovane!) possa sentirsi vecchia e non più adeguata al compito affidatogli.
      Ciao.

      Elimina