giovedì 5 aprile 2012

Di poco, un poco...

Dicono: meglio un giorno da leoni che cento da pecora.
Non vorrei diventare un leone per un giorno di gloria:
mi accontenterei di riuscire a diventare pecora,
quindi, per favore, mangiate qualcos'altro.

Il piatto piange, è una roulette, chi viene estratto vive...


Non c'è fretta, non correte, sono sarda, io aspetto...


Lavorare per vivere, non morire per lavorare


AGGIORNAMENTO

Non muoiono "sul" lavoro ma "a causa" del lavoro.
Che manca, e induce le persone a una scelta
tra il "morire" e il "non vivere".
Li chiamano "suicidi", ormai uno al giorno,
e, come gli "incidenti" sul lavoro, non fanno più notizia.
L'induzione al suicidio è prevista come reato,
se messa in atto da un privato;
scompare dal codice quando c'è di mezzo lo Stato.



Senza parole, basta una padella...

27 commenti:

  1. C'è tutto, una foto dell'Italia 2012, tra barbarie e tradizione (non solo Italia, a dire il vero).

    RispondiElimina
  2. ..poi succedono cose meravigliose nella vita, non sempre, che ti lavano via dalla pelle le schifezze umane tutte e gusti quanto bello ancora c'è in quello strano essere chiamato "uomo": un cuore. Come ce l'hai tu.
    Un abbraccio, un bacione e passa una buona Pasqua :-)

    RispondiElimina
  3. Dentro c'hai messo di tutto, un penstolone stomachevole della nostra bella scoietà. La prima foto è di una tenerezza unica... VI PREGO non alimentate sta mattanza... Auguri gatto

    RispondiElimina
  4. Ciao Gatto, lontanissima l'idea di mangiare agnello, sono vegetariana, ma spero che la tua prima foto così di tenera innocenza distolga gli altri.Auguri.

    RispondiElimina
  5. Le tradizioni (ormai ripetute e non comprese, è Pasqua anche senza agnello macellato se guardiamo all'Agnello immolato una volta per tutte), è vero, mascherano la barbarie (come a Natale quando si dice che siamo tutti un poco più buoni). E' necessario rinascere in quella dimensione profondamente umana che si chiama spirito.
    Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  6. Pasqua, per i cristiani, è il giorno della Resurrezione eppure, anche in quel giorno, muoiono persone innocenti, vengono macellati quintali d'agnelli, dimenticati coloro che son prigionieri e tant'altro.
    E siamo nel 2012 e dov'è finita l'evoluzione dell'uomo? Ferma a 2012 anni fa. Appesa ad un libro scritto da altri uomini che chiamano Bibbia nel nostro paese mentre in altri definito con altro nome.
    Bisognerebbe aprire gli occhi senz'esser ciechi....ma questa, purtroppo, è un'altra storia!
    Un bacionissimo Pietro a te ed a Angela!

    RispondiElimina
  7. Ciao Gattonero, come fare a non condividere il tuo post?
    Tutte verità e purtroppo è difficile prevedere quando tutto questo finirà e si vedrà risorgere l'uomo.

    Buona Pasqua di cuore a te e ai tuoi cari!
    Lara

    RispondiElimina
  8. Le foto dicono tutto... l'Italia, come tutto il mondo deve farsi un esame di coscienza.. poi boo magari questa è davvero l'ultima annata per tutti come dicevano i Maya..e allora si che si farebbe un bel pò di pulizia

    RispondiElimina
  9. Non posso che condividere tutto.
    Un abbraccio e buona Pasqua! :-)

    RispondiElimina
  10. bellissimo post..... auguri di buona pasqua

    RispondiElimina
  11. Chi di speranza vive disperato muore.
    Il LIMITE al PEGGIO è stato già abbondantemente superato..
    magari è giunto il momento di ravvedersi..
    Come dici?
    Morirò disperata?
    Può essere :)
    Un abbraccio, carissimo.. a te e alla TUA, e grazie a te anche un po' MIA, Angela :)

    RispondiElimina
  12. Speriamo in una pasqua più serena per tutti, a cominciare dai cuccioli: sarebbe anche ora! :)
    Auguri!

    RispondiElimina
  13. Non sono un vegetariano, ma mi rendo conto che trattasi di un sacrificio. Ciao gattonero e Buona Pasqua, speriamo in una resurrezione della ragione ...

    RispondiElimina
  14. "Per fortuna" la mia famiglia è sempre stata medio povera, quindi a Pasqua non si è mai mangiato nessuna bestiola (la carne è sempre stata roba da ricchi, e lo è ancora adesso). Si mangiavano le uova sode colorate da noi bambini. Ancora adesso è così (le uova le colorano i nipoti), e la festa sono gli gnocchi di mia mamma. Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  15. si spera davvero che prima o poi il mondo si accorga che non possono esiste vite di serie a e serie b ... e di c.
    auguri

    RispondiElimina
  16. sono daccordo su tutto.

    Buona Pasqua

    RispondiElimina
  17. Sono d'accordo con tutto ciò che hai scritto. Sarebbe ora di fare qualcosa.

    RispondiElimina
  18. Amarezza...disincanto...rabbia...e, molto velata, la speranza.
    Per questo è importante augurarci serenità: manca.
    Serena e Dolce Pasqua!

    RispondiElimina
  19. hai scritto cose vere e giuste, gattone.
    Anche noi invece di suicidarci, forse è giunto il momento di tagliare i viveri allo stato come lui li ha tagliati a noi.
    Se non entriamo nell'ottica che lo stato sovrano siamo noi..
    E se non iniziamo a pensarla diversamente..come?

    "Muoia Sansone con tutti i filistei"!
    Purtroppo in'Italia la maggior parte della gente sta bene.

    Buone feste pasquali anche a te, accompagnato da un abbraccio.

    RispondiElimina
  20. Più che resurrezione forse ci servirebbe un'insurrezione... Buona Pasqua, Gattonero.

    RispondiElimina
  21. Condivido le tue riflessioni. Non mangerò alcun agnello perchè sono vegetariana. Ti abbraccio. Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  22. Sintetico, ma efficace, molto efficace!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  23. Riflessioni che condivido,rispetto perla natura in tutti i suoi componenti,per gli animali,per chi lavora.
    Buona pasqua,Costantino.

    RispondiElimina
  24. Buona Pasqua, buone vite (sette), buone code (nove).

    RispondiElimina
  25. Non è un bel periodo, speriamo migliori.

    Tantissimi auguri di Buona Pasqua!

    Baci

    RispondiElimina