domenica 21 aprile 2013

Passato, presente, futuro, bacio

passato
Presente
Futuro
Un bacio al volo a chi se ne va

47 commenti:

  1. E' ora di finirla di prendercela con Berlusconi. Andiamo a prendere casa per casa chi lo ha votato ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione, ma nonostante il post sembri dire il contrario, mi vien da pensare che, tra i diversi contendenti, lui sia quello più coerente, perlomeno ai suoi interessi. Resta poco comprensibile la coerenza ai suoi interessi da parte di chi lo vota.
      Ma, alla luce degli ultimi avvenimenti, mi sembra che il problema non sia tanto lui (che continua a esserci, immarcescibile) quanto la/le controparti che stanno facendo scendere il latte dalle ginocchia fino alle punte degli alluci.
      La sinistra il peggior nemico l'ha dentro se stessa, e nel tentativo di sconfiggerlo si sta autodistruggendo.
      Ciao.

      Elimina
    2. Non starò qui a piangere sul fatto che non avete la più pallida idea di cosa sia una democrazia. E della violenza fascista palesata da certi commenti.

      Mi limito a farvi osservare che non avete i numeri per fare niente se non rimettere in scena gli anni '70. Con lo stesso esito patetico, cioè gli anni '80.

      Elimina
    3. Caro Lorenzo, di politica me ne intendo una cippa, per cui prendi con le molle quello che rispondo al tuo commento.
      Non mi pare che la democrazia abbia asilo in qualche partito, né qui né altrove. E, assente quella, i partiti sono costretti ad apparire come dittature; lo fa la Chiesa da secoli, e, a suo tempo, non ha esitato a tagliare teste pur di difendere una centralità, non solo religiosa.
      Riguardo ai commenti: sarò cecato, ma, almeno qui, non vedo tracce di violenza, tanto meno fascista.
      Quel "VI" ripetuto non ho capito bene a chi sia diretto: per la prima parte, di violenze pseudo-fasciste si sono macchiati tutti i partiti in parlamento, ciascuno in buonissima fede quando le proponeva o metteva in atto, e nessuno mi risulta sia stato debitamente sanzionato.
      I numeri: se qualcuno, chiunque, li avesse avuti da queste ultime elezioni, non saremmo ridotti come siamo, proni in attesa di un governo qualunque.
      Mi pareva di averti chiarito che il post su Berlusconi era più espressivo che con riferimenti politici: ho messo lui proprio perché è immarcescibile; al posto suo avrei potuto mettere varie espressioni di qualunque individuo oggi faccia parte della cosiddetta classe politica, Napolitano compreso; ma ho pensato che per tutti gli altri vale il sic transeat gloria mundi in maniera talmente rapida che non si fa in tempo a postarli che sono già spariti, o in fase dissolvente.
      Vogliamo vedere la foto dei due volatili come il bacio che tra breve ci sarà, tanto virtuale quanto reale è stato l'abbraccio tra i due prossimi protagonisti di un governo che non convince nessuno?
      Vediamolo così, e ridiamoci sopra...
      Con la certezza assoluta di non averti convinto, abbiti comunque la mia simpatia.
      Ciao.

      Elimina
    4. Allora vado a spiegare due concetti base.
      Democrazia, nel nostro caso rappresentativa, significa che tu puoi andare a votare e le persone che raccolgono più voti vengono "elette", cioè incaricate di rappresentare gli elettori. Il corollario è che, se sei libero di votare chi ti pare, allo stesso modo chiunque raccolga abbastanza voti è legittimato a rappresentare gli elettori. Contro il concetto tipico della "sinistra" che la democrazia va bene solo quando vengono elette persone a loro grate.

      Il discorso del fascismo si riferisce alla simpatica proposta "andiamo a prendere casa per casa chi lo ha votato ancora". Che non solo ovviamente nega la democrazia ma è sotteso ad una concezione della "politica" di tipo cambogiano e cioè al "nemico del popolo" si riserva un colpo alla nuca e via in una fossa comune.

      Il resto è una scarica di luoghi comuni privi di senso.

      Elimina
    5. Pensa te, non avevo fatto caso a quella frase, ritenendola una battuta fine a se stessa.
      E pensa ancora te, ingenuamente e in buona fede, leggendola, per un attimo in quel Lorenzo ho visto te.
      Ovviamente sbagliando, poiché tutti i tuoi commenti trasudano democrazia, antifascismo... direi quasi antitutto.
      Talvolta a me pare che i grillini più convinti a te facciano un baffo.
      Ma, ripeto, è chiaramente un'impressione errata, dovuta al fatto che di solito mi fido di quello che appare in prima evidenza, senza scavare nel profondo delle espressioni.

      Elimina
    6. Qui si tratta solo di leggere.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Chi resta scarta un bacio perugina, e va a godersi le frasucce amorose che questo propina, fregandosene altamente di chi se n'è andato.
      Che poi, in realtà, non va mai via nessuno: invece delle persone hanno clonato le facce di tolla, e se le scambiano uno con l'altro a seconda del momento contingente.
      Ciao, a presto.

      Elimina
  3. si è partiti dall'immunità per arrivare all'immortalità!Quando si dice...il progresso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è due senza tre: tra sette anni (se non fa l'errore di affidarsi alla nostra sanità locale) farà il tris, dopo avere seppellito (funerali di Stato) chi lo ha votato, ma soprattutto chi non lo ha fatto.
      Ciao.

      Elimina
  4. Ragazzi è il PD che continua a tenerlo in vita con continue e massicce trasfusioni e purtroppo il sangue è quello dei suoi elettori, quelli che un gruppo dirigente sconsiderato,sta facendo scappare via..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sacche di sangue si stanno esaurendo, il plasma è alla fine e anche le flebo di glucosio ormai scarseggiano...
      Non resta che dare tempo al tempo, è l'unico che non tradisce mai.
      Ciao.

      Elimina
  5. Non si esce più da sto circolo :( Siamo messi nella cacca..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo da tempo, ci stiamo affogando in quella materia, e adesso ci sguazziamo divertiti, come quando da piccini rotolavamo nella fanghiglia, felici fino all'arrivo delle prime botte riparatrici.
      Ciao.

      Elimina
  6. Mica hai detto se si può scegliere, comunque io mi prendo il bacio, non del volatile (visto che finezza? non ho scritto uccello), ma il bacio tuo.
    Che ricambio con labbra al sapore di melone (spagnolo sto giro)<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il melone spagnolo non richiede la presenza del prosciutto.
      Già da solo è un bacio nudo e crudo e dolce... che ricambio, con abbraccio serpeggiante.
      Ciao.

      Elimina
  7. Triste presagio, ma più che probabile.
    Cristiana.
    PS. Non è che mi ignori perchè la prima volta che ho commentato ho detto che sono cinofila?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se il gesto finale (non il bacio tra volatili, ChaillR docet) sia da prendere come una promessa o come una minaccia: in entrambi i casi è inquietante.
      Al P.S.: i cani sono i migliori amici dei gatti, ma i miei tentativi di entrare nel tuo blog sono bloccati dalla dicitura "entrata ad invito", che non so come superare. Fammi sapere. Ciao.

      Elimina
    2. Mi dispiace.
      Non ho posto nessun limite ai commenti e ora controllo.
      Grazie

      Elimina
  8. Risposte
    1. E così sia, come si dice, ma le palle girano lo stesso.
      Ciao.

      Elimina
  9. Ora mi aspetto una formazione di sinistra vera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto niente...
      Prova nel blog a fare qualche nome per una formazione che cominci a segnare agli avversari, ma che soprattutto la smetta di farsi autogol.
      Ciao.

      Elimina
  10. ma le elezioni non le avevano vinte gli altri?
    Poi in questo paese se cerchi o perdi lavoro dopo i 40 anni sei vecchio, lui sfora i 70, quanto durerà ancora?
    Mica pretenderà di fare magari il capo dello stato ad 80 anni?
    Ops.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 29 di settembre ne avrà 77 che, guardacaso, per la cabala sono le gambe delle donne, ma è una coincidenza ininfluente.
      Alla terza rielezione Napolitano avrà 95 anni (ormai fuori cabala), lui ne avrà 84: vuoi accettare che si faccia finalmente largo ai giovani?
      Ciao.

      Elimina
  11. Caro Pietro, son due mesi che non seguo più la nostra politica. ma quello che sto leggendo e sentendo mi da i brividi.
    Povera italia.
    Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che negli ultimi tempi tu avessi ben altro da pensare che alla (becera) politica.
      Per la buona riuscita della tua fisioterapia, continua a ignorarla, ne guadagnerai in salute; tanto, per come siamo conciati, possiamo fare poco, se non aspettare la prossima probabile chiamata alle urne. Ma anche allora ci sarà poco da ridere...
      Ciao, un abbraccio grande.

      Elimina
  12. Assai efficace il montaggio fotografico. Mi viene da piangere, politicamente parlando. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fase del pianto è ormai superata, diciamo che non ci resta che ridere.
      Ma i denti fanno scintille a forza di digrignarli.
      Ciao.

      Elimina
  13. Chissà se una novella Araba Fenice...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio di no, è già un continuo risorgere dalle proprie ceneri quello che ingessa (mummifica?) la nostra politica.
      Ciao, un abbraccio di primavera.

      Elimina
  14. Un incubo che non finisce mai.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  15. Temo che il passato sia, purtroppo, anche il nostro futuro.

    RispondiElimina
  16. Io non dico nulla.

    Ciao Pietro.

    RispondiElimina
  17. Io però sono stufa di vedere quell'orribile faccia dappertutto. E' proprio un incubo.

    RispondiElimina
  18. ciao Pietro, siamo andati a votare per cambiar qualcosa e ci ritroviamo peggio di prima, non cambia mai niente purtroppo, meglio pensare agli uccellini, ciao a presto rosa, buona serata.

    RispondiElimina
  19. Che incubo! È sempre tra i piedi.

    Baci

    RispondiElimina
  20. Apprezzo solo la foto degli uccellini.....

    RispondiElimina
  21. grillo a sfasciato i partiti Pd e PDL, ma lui resta sempre lì da non credersi...

    RispondiElimina
  22. Mi sono chiesto: ma se non ci fosse stato il cainano l'Italia come sarebbe ora. Ma purtroppo c'è, c'è ancora e la storia non si fa con i se.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uguale identica.
      Infatti "coso" non fa che catalizzare il voto di una intera categoria di Italiani, milioni e milioni, che esiste a prescindere da lui.

      La domanda che mi faccio io invece è "come sarebbe stata l'Italia senza il maggior partito comunista dell'Europa occidentale". Qui la questione è più complessa, infatti non solo il PCI non è nativo dell'Italia e per lunga pezza è stato eterodiretto ma il PCI non catalizza un voto preesistente, lo fabbrica, quindi l'esistenza dell'elettore non prescinde.

      Elimina
  23. ...
    a parte facciadimerda......buon 25 aprile gatto

    RispondiElimina
  24. Ma questo non è Passato, Presente e Futuro, questo è da sempre dapertutto!!!!!!!
    E' il sempre ....... e mo basta .....
    Un bacio Pietro ..... Tvb

    RispondiElimina