giovedì 5 luglio 2012

Insalata di riso


Al signor Monti è saltata la mosca al naso
Altra musica
Nella bozza dei tagli alla sanità, questi sono gli ospedali che "dovrebbero" chiudere, entro ottobre. Alcuni sono già stati chiusi o "riconvertiti" in strutture non ben definite. Qualcosa mi dice che alle elezioni del 2013: a) non ci arriviamo; b) chi ci arriva sarà un sopravvissuto e, come tale, disprezzato; c) non ci arriviamo poiché le palle, troppo gonfiate, alla fine scoppiano.
(Purtroppo per mia incapacità personale, di cui non meno vanto,
non sono riuscito a rendere l'elenco più leggibile.
Credo che lavorando abilmente allo zoom,
sia possibile migliorare la lettura).




Per consolarsi: niente tagli agli armamenti,
niente tagli delle province. Siamo salvi!

Tenerezze
Lavaggio rapido

(Le immagini sono del Corriere della Sera di oggi,  5 Luglio 2012;
l'incazzatura per la parte centrale
 è stata estratta da un fegato felino in ebollizione)
Aggiornamento dovuto
Mariolino, letto in nottata questo post, ha disposto la sospensione della bozza del decreto per la parte relativa agli ospedali. Buona parte dei quali, nel frattempo, sono stati già chiusi. Pare che i tagli alle province e agli armamenti saranno applicati, pur se in misura minore a quanto in origine previsto. L'Iva crescerà (pare che la Zanicchi sia incinta) dal 2013. C'è pure un vago accenno alla riduzione delle auto blu. La Fornero ha di nuovo pianto: mal di denti. La Camusso: chi ce l'ha, se lo tenga, di scioperi per un mal di denti non se ne parla.

16 commenti:

  1. Ho letto con lo zoom e il Palasciano di Capua è chiuso da tempo lo so perchè ci lavorava mia cognata come inferimiere.
    L'ospedale Melorio è un buon ospedale, ci sono stata una volta a visitare un amica.Comunque tutti quelli che possono vengono all'ospedale di Caserta. Sempre a Caserta tra non molto si dovrebbe aprire il Policlinico, sta in costruzione ma da anni e tutti lo aspettiamo pazienti e studenti della facoltà di medicina. Questa e per quando riguarda Caserta. Comunque il Palasciano era un ottimo ospedale e fu chiuso e non si è capito il perchè. Gli addetti al lavoro sono stati smistati in altri ospedali della zona tra cui anche il Melorio e adesso dove li metteranno?
    Caro gattonero si chiudono gli ospedali e si aprono cliniche private.- Stiamo inguaiati.

    un abbraccio ciao.

    RispondiElimina
  2. Proprio oggi ho toccato con mano di servizi importanti già tagliati...

    RispondiElimina
  3. mi pare che non taglino più gli ospedali ma aumentino l'iva.... zanicchi ?

    RispondiElimina
  4. Dice giusto Rosy........chiudono il pubblico e s'aprono Cliniche private. E....tu credi che arriviamo alle elezioni? Ma? Non stanno per tagliar anche quelle? :-)

    RispondiElimina
  5. sto trascinando il mio trolley.. destinazione: Irlanda. bacione GattoNero ;)

    RispondiElimina
  6. sono senza parole...veramente ne avrei troppe da dire,meglio chiudere la bocca!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  7. Ma ti rendi conto che puttanata quella dell'abolizione di 60 province? E con le altre 50 che cazzo ci facciamo?

    RispondiElimina
  8. quando ho visto la notizia sul giornale mi è venuto da ridere...no da piangere, chè pure sulle lacrime ci sta la tassa sul sale :(

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo con rosy. Chiudono gli ospedali e aprono le cliniche private a pagamento.
    Ma la gente che lavorava negli ospedali che chiudono cosa fa? Poveri noi. Ogni giorno è sempre peggio.
    P.S. - Con Sandra sto organizzando na mappa della nostra comunità, mi manca la tua mail, me la manderesti a assoblog2011@gmail.com? Grazie e buon weekend.

    RispondiElimina
  10. Nella mia regione sono solo 4. C'è da consolarsi di questo.

    Baci e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. il nero snellisce,ma indossarlo sempre diventa monotono.
    Una spruzzata di colore nelle tue giornate,che sia sempre più frequente.
    Lu

    RispondiElimina
  12. Da me già da qualche anno si è cominciato a chiudere gli ospedali e i pronto soccorso sembrano dei gironi danteschi.
    Per contro hanno aperto dei megastudi polispecialistici ovviamente a pagamento: fanno anche tariffe agevolate.
    Provo un po' di nausea,ma so qual'è la causa.

    RispondiElimina
  13. Oltre gli ospedali in Calabria chiudono i tribunali nella lista ce ne sono ben quattro!

    RispondiElimina
  14. Fortuna che sono cecata, che preferisco non vedere.

    RispondiElimina
  15. Ciao, sono passata ad invitarti ad un post di massa; se passi da me e leggi questo articolo capirai il perché

    http://iltemporitrovatodiantonella.blogspot.it/2012/07/timbuctu.html?
    > utm_source=BP_recent


    stanno distruggendo qualche cosa che appartiene al patrimonio dell’umanità, ma nessuno ne parla, se vuoi aiutaci a spargere la voce e a sollevare un “polverone”.
    Oggi leggi l’articolo sul mio blog poi, se ti va invita quante più persone puoi a leggerlo inviando loro questo commento, poi, sempre se ti va, martedì 10/07 passa da me, copia il post che pubblicherò e mettilo sul tuo blog,se lo facciamo tutti insieme e ci aiutate a spargere la voce aumentiamo la portata e possiamo far sapere a tutti quello che sta succedendo , perciò , se potete fate girare questo commento. L’intento è quello di creare un fenomeno di massa che permetta di far trapelare la notizia il più possibile, nel nostro piccolo vogliamo dare un contributo, se ti va aiutaci anche tu. Collabora con me in questa opera di sensibilizzazione Audrey autrice del blog Borderline.
    Antonella

    RispondiElimina
  16. accentrare i servizi serve solamente a creare voragini più grandi ed incontrollabili cosicchè sia più facile far sparire dei capitali, cosa difficile se restassero i piccoli ospedali, dalle spese più facilmente verificabili... è ovvio che chi spinge nella direzione della centralizzazione, ha i suoi begli interessi... non so se mi spiego vero ???

    RispondiElimina