mercoledì 22 ottobre 2014

Senza titolo


La vita è come un fico d'India: se vuoi raccoglierne i frutti devi mettere in conto che qualche spina ti possa ferire..
Solo che le spine della vita ti penetrano nella pelle, e ci restano fino alla fine.
Ho "giocato" tutte le partite di questa esistenza: infanzia, adolescenza, maturità...
Tutte vinte, più o meno alla grande.
Adesso è l'ora dell'ultima gara, quella della vecchiaia: la fregatura sono i minuti di recupero, che vengono annunciati solo giorno dopo giorno, con la prospettiva che comunque sarà una partita persa in partenza.
Senza neanche la soddisfazione di poter gridare all'arbitro "cornuto" finché la partita non è finita.
Permaloso com'è mi darebbe cartellino rosso e squalifica garantita, senza neanche la possibilità di ricorso ad alcun TAR.
La vita è come un fico d'India: se vuoi raccoglierne i frutti devi mettere in conto che qualche spina ti possa ferire..
Solo che le spine della vita ti penetrano nella pelle, e ci restano fino alla fine.
Ho "giocato" tutte le partite di questa esistenza: infanzia, adolescenza, maturità...
Tutte vinte, più o meno alla grande.
Adesso è l'ora dell'ultima gara, quella della vecchiaia: la fregatura sono i minuti di recupero, che vengono annunciati solo giorno dopo giorno, con la prospettiva che comunque sarà una partita persa in partenza.
Senza neanche la soddisfazione di poter gridare all'arbitro "cornuto" finché la partita non è finita. 
Permaloso com'è mi darebbe cartellino rosso e squalifica garantita, senza neanche la possibilità di ricorso ad alcun TAR.
Aggiungi didascalia

10 commenti:

  1. Però i fichi d'india son buoni, e val la pena gustarseli giorno dopo giorno, a sorpresa :)
    E' una foto pugliese?^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Si dice che ogni individuo, alla nascita, abbia un suo gomitolo di vita e che questo svolga piano piano fino a che il filo non è terminato. Nessuno sa che dimensioni abbia il suo gomitolo ed io non credo che la persona con quello più corposo abbia maggior fortuna... penso che sia l'uso che si fa del filo ad essere importante, sia per la sua vita che per quella degli altri.
    La vita ha immaginazione e può sorprendere solo chi si "lascia fare"... io spero che questo tuo stadio della vita sia lungo, proficuo e felice.

    RispondiElimina
  3. Dicono ogni "stadio" della vita abbia delle sfaccettature stupende, ma solo per chi sa vederle. Non può che essere così per uno che è uscito vincitore dagli stadi precedenti no?! Vuol dire, saper vivere...
    p.s. Deduco (erroneamente?!) sia giorno di compleanno...

    RispondiElimina
  4. Come dico sempre, la vita è in tutti i sensi uno scherzo del cazzo, ma credo che in fondo valga la pena lasciarselo fare. E poi è così breve... Come mi dicevano dalle mie parti da piccolo, "il bel gioco dura poco"... Be', questo è davvero un soffio, anche se a volte le avversità (ma anche le gioie più intense!) riescono a farcelo sembrare interminabile.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Riflettevo proprio stamane alzandomi che nonostante tutto la vecchiaia un qualche aspetto positivo ce l'ha. (Oddio non sempre e non per tutti). Però sei finalmente libero dalla schiavitù del lavoro che anche se è stato di tuo gradimento, sempre schiavitù era. Sei libero dagli orari sistematici, ossessivi, di tutti i giorni. Insomma cerchiamo di vederci qualcosa di bello in questa fine della vita che pur amiamo smodatamente.

    RispondiElimina
  6. carissimo Pietro,un post che fa riflettere.
    Hai detto bene,hai vissuto tante esistenze,sia con spine che senza.
    Tante persone non hanno potuto assaporare le sfaccettature della vita.
    Mangia un fico ogni giorno,ne scoprirai la sua dolcezza ogni volta
    con affetto
    Lu

    RispondiElimina
  7. vincerai anche l'ultima partita :-D

    RispondiElimina
  8. E' un mio pensiero ricorrente quello che hai scritto e non perchè mi voglio soffermare sul tema "tempo che passa", la verità è che è proprio il corpo che mi ricorda che sta accadendo qualcosa che prima vedevo svilupparsi solo negli altri, è inevitabile ascoltare il corpo e la mente lanciare segnali sconosciuti fino ad ora. La considero quasi un'adolescenza, una scoperta che naturalmente non sfocerà nella gioventù, stanno cambiando il corpo, i pensieri e tutta quanta la vita.
    E' un'altra trasformazione, proprio come l'adolescenza ma con una mente più saggia... si spera!
    Per quel che mi riguarda spero solo di riuscire a mantenere uno spirito giovane e "sorridente" nonostante tutti i fichi raccolti.
    Un caro saluto gattonero!

    RispondiElimina
  9. sono in gara da un po', è dura e fin che dura

    RispondiElimina
  10. Be dai almeno sei in finale. Io sono stato eliminato ai quarti.

    RispondiElimina