mercoledì 2 gennaio 2013

Passaparola

Sono un esperto di niente.
Contrapposto al tuttologo esiste il nientologo.
Se al mondo ce n'è uno, quello sono io.
Cominciando dai beveraggi (acqua, bibite, vini, liquori): non riesco a stare dietro alle autopsie delle bevande, in cui gli esperti riescono a captare profumi e sapori ormai inesistenti in natura (a parte la menta, il prezzemolo, il rosmarino, l'alloro, che mi abbondano in giardino); riescono a gustare essenze di frutti di bosco, fruttati di frutti esotici talvolta sconosciuti, annusano aromi di muschio di grotte montane (che io non so distinguere dall'odore d'alga di una caverna sottomarina), profumi di viola del pensiero...
La famosa pansé, che mi riporta alla vecchia e ormai desueta canzone "pansé mie, pansé tue, le uniamo tutt'e due... ecc.", che, in barba alla censura che la voleva bloccare poiché 'vagamente' lùbrica, l'adolescente voglia di credere di sapere tutto e subito mi faceva immaginare come due ombelichi che, dopo essersi fissati uno verso l'altro sorridenti, si univano in un bacio, prima leggero, poi appassionato, infine frenetico; i francesismi erano ancora lontani a venire, ma anche adesso che qualche parola la mastico, pur se storpiata, la pansé per me è memorizzata come "pancia", e credere che un profumo di pancia possa albergare in un liquido mi è difficile assai.
Questo in particolare per quanto riguarda i vini.
Che poi, da non molto, sono spuntati anche i degustatori di acqua.
Questi scoprono in quel liquido, che in natura mi pare sia tra i più semplici, svariate qualità e infinite possibilità di applicazione, bene reclamizzate da uccelli ammaestrati o da uno spermatozoo dentro una bottiglia che cerca disperatamente una spermatozoa con cui accoppiarsi.
In materia acquatica, però, non sono proprio a zero: per esempio, se nell'acqua che vado a bere ci fosse un ranocchio me ne accorgerei appena arriva in bocca e da qui lo metterei da parte per farmelo fritto; se invece ci fosse un branco di girini, sulla loro sopravvivenza, nel pur breve tragitto interno da percorrere, non avrei molta fiducia. E, comunque, all'uscita non farebbero plin plin allarmanti, forieri di calcoli dolorosi.
Per i cibi la capacità di cernita è la stessa: sono un modesto consumatore finale, che ignora (e il più delle volte preferisce ignorare) quello che c'è a monte di ciò che gli arriva nel piatto. Fiducioso che chi glielo ammannisce sappia quel che fa. Fin'ora mi è andata bene, non capisco chi dice di avere mal di stomaco, non so di cosa parli.
Sia nelle bevande che nei cibi seguo una regola facile facile: se mi piacciono consumo, se non mi piacciono evito di ingurgitare.
Sono anche una schiappa in letteratura, sia essa di prosa, di poesia, biografica, o di altre branche dello stesso calderone.
Qui, più che altrove, ho l'abitudine di assaggiare prima tutto quello che mi capita a tiro d'occhi, poi quello che mi piace lo leggo e lo gusto a tutto pieno; se non mi piace sospendo la lettura e accantono, nessuno mi obbliga a soffrire per pubblicazioni che avrebbero dovuto essere mai partorite.
Passaparola... è il titolo di questo post, che a questo punto potrebbe far pensare più a una passata, di pomodoro o verdure varie, che a una parola da passare da uno all'altro.
Quelle precedenti erano solo due chiacchiere, come un aperitivo con cubetto di ghiaccio, spicchio d'arancia e cannuccia, per parlare di un libro che nell'ultimo periodo mi ha appassionato, o, per farla breve, mi è piaciuto.
Moltissimo.
Non sono capace di recensire quello che leggo.
Come non esperto, ben conscio dei miei limiti, non saprei fare una critica articolata, censire senza apparire censore, condensare in poche parole (l'aggettivo "conciso" è sparito dal mio vocabolario e non lo riesco più a trovare), e pure appropriate, il contenuto, che so, di 297 pagine di un libro.
Di questo ho avuto modo di leggere recensioni, profonde, esaurienti (talvolta fin troppo, più che recensioni a me sembravano trame, che rischiavano di svelare un contenuto che, a mio incompetente parere, sarebbe invece tutto da scoprire e da godere, in modo assolutamente soggettivo), erudite, precise addirittura nell'interpretazione del pensiero dell'Autore...
Esposte da gente che, chiaramente, se ne intende, è esperta.
E io, come detto, non lo sono.
Mi permetto, in via eccezionale, di proporlo qui perché mi ha trasmesso emozioni che vorrei fossero condivise da più gente possibile.
Poi qualcuno dirà che sono di bocca buona, e in effetti lo sono: come non esiterei a disprezzare un piatto presentato da un grande chef o un vino decantato da un grande sommellier, così non mi tirerei indietro dall'osannare un piatto di pasta e fagioli (con cotiche) fatto come dio comanda.
Idem per quello che leggo.
Lo spunto, o la spinta, per questo post me l'ha data un piccolo episodio che lo riguarda direttamente.
Avendo ricevuto due copie del libro, avevo programmato di regalare il doppione a una prof che conosco e apprezzo.
Insegna matematica e fisica in un liceo scientifico.
Una prof con questa specializzazione fa subito pensare a un monolito fatto di numeri e formule, per cui il dono di questo libro avrebbe potuto apparire come un gettare perle ai porci (a margine, altro bel libro di altro autore), con tutto il rispetto.
In cambio del panettone con spumante che mi aveva portato, le avevo allungato il tomo; forse per avere in mano una prova tangibile dell'insulto alla sua serietà professionale, aveva voluto che glielo autografassi.
In vita mia, non breve purtroppo, ho 'autografato' solo una dozzina di volte, su altrettante farfalle per l'acquisto dei mobili quando mi 'fui' sposato.
Beh, per un attimo mi ero sentito importante.
Due giorni dopo mi aveva chiamato al telefono, sghignazzante (nel libro, in effetti, è previsto "anche" lo sghignazzo) mi aveva letto un passo che in quel momento aveva suscitato la sua ilarità, e di questa aveva voluto farmi partecipe.
Mi son detto: se questa lettura ha fatto breccia in un blocco di granito matematico, potrebbe essere di gradimento anche agli amici di blog che, come me, in questo momento hanno più che mai bisogno di qualche attimo di evasione (signor Monti, apra gli occhi, non è di quella fiscale che sto parlando, pur se, neanche tanto marginalmente, in questa fuga dalla realtà è coinvolto anche lei).
Ne espongo qui sotto e alla buona l'immagine: non sapendo nulla di fotomontaggi, come supporto ho racimolato qualcosa a portata di mano.
Che poi, visto il risultato, se volessi passarvi una sola, avrei fatto 'sta faticaccia?
Avrei potuto fare copia-incolla dal blog dell'Autore schiaffando semplicemente l'immagine della copertina, vista colà in alto a destra, magari facendo allo stesso un piacere, invece di farcire il tutto col prolisso di tante parole.
Indubbiamente, se fosse andato da Vespa Bruno, il ben noto talent scout, nell'altrettanto notorio salotto di Porca a Porca, il risultato della sua visita sarebbe rimbalzato per mari e per monti (minuscolo per evitare fraintendimenti), rendendo questo post giustamente superfluo.
Purtroppo questo Autore è un po' schizzinoso (lo metto in italiano, poiché non ricordo come si scrive nel famigerato originale), e non si è voluto presentare in quel ces.., pardon, in quel postribolo a causa di una idiosincrasia congenita nei confronti di un ospite particolare, fisso, di casa là dentro, come si dice.
Si tratta di un tizio che mentre il popolino si arrabbia come manco li cani, o si adira come fanno perfino i cristiani, lui si altera.
E, per farlo meglio, lo fa con cinque/sei centimetri di rialzo dei tacchi, dando per buona la versione che di lui offrono le vignette in suo onore.
Bon, chi è arrivato fin qui, prenda atto del mio capolavoro (non il libro, che mai fosse mio non sarei qui a sproloquiare in questo misero blog; starei già spaparanzato pansé all'aria in qualche paradiso, meglio fiscale che quell'altro) di costruzione fotografica, e si dia da fare, colmando la lacuna del non averlo letto o addirittura di non averlo già in casa.
Che sarebbe un'omissione delittuosa.

Il libro in questione non è quello del gatto,
che qui fa solo da sostegno nel primo gradino.
Quello giusto è quello in fronte verticale,
posato sui quattro piedestalli sottostanti.


Sintetizzando

Titolo: Quattro soli a motore
Autore: Nicola Pezzoli 
(più noto come Zio Scriba a 613 nipoti ufficiali, per altre migliaia sparsi per il mondo, più uno su Marte, solo lo Zio per antonomasia)
Editrice: Neo. edizioni (Castel di Sangro - AQ)
Prezzo: Euro 15 
 (= lit. scadute 29.044,05 - $ usa&getta 19,92 - £ inglese 12,21 - 
 Fr. svizzero 18,13 - Rublo russo 601,97 - Yuan 123,93 - Yen 1736,75 -   Barattabile con beni di consumo a lunga scadenza, con trattamento di riguardo verso prosciutti vini liquori formaggi/stagionati lingotti/oro-argento-mirra; con molta riserva sono accettati anche bond tedeschi, ma solo obtortocollo)

27 commenti:

  1. E' la recensione più bella che si potesse far ad un libro!!!!!!
    E se l'autore (blogger che ho incrociato più volte su queste strade virtuali)è una persona "vera" come credo che sia, non potevi scriverne altrimenti!
    Mai malefico se non quando c'è ne è bisogno, sei un gatto adorabile. Un gatto che la sa lunga, altroche.......
    Come primo post 2013sino niente male. Sprona a comprar quel libro e.... credo lo regalerò con tanto di dedica a qualcuno che amo molto!
    Un bacio Pietro....tra un capitolo e l'altro!
    Complimenti "Zio Scriba" e...in bocca al lupo per questo nuovo capolavoro!!!!!

    RispondiElimina
  2. GattOOOOnero intanto: buon anno!!!
    Poi, che hai scritto Passaparola a me è risuonata in testa la sigla di quel quiz condotto da G. Scotti "ula la ula lalallaaaa" hihi, vabbé ma è uno sciroccamento tutto mio.
    QUindi, che tu dica che non sei portato per la prosa, scrittura e bla bla annessi e connessi: ti meriteresti una tiratina alla coda ;-)
    Insomma, bella segnalazione e complimenti all'Autore.
    Tornando a noi, gattoooone un bacio lunghissimo e abbraccio forte.

    RispondiElimina
  3. lo posso barattare con della mirra, dovrei averne un po' da qualche parte :D

    RispondiElimina
  4. Lo Zio Nick é proprio bravo, non c'é dubbio, ma in te ha trovato indubbiamente il suo Profeta, tanto sei plasticamente convincente!
    P.S.
    E mi riconosco in quasi tutte le tue premesse! Ah, te l'ho già detto "Buon Anno!"?

    RispondiElimina
  5. Bello!

    Grazie mille per il commento e buon anno!

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  6. Ho letto il libro di Pezzoli durante le vacanze di Natale, e mi trovo d'accordo che è un libro da consigliare. Ha il dono della leggerezza, di quella che però affonda nelle pieghe più intime dell'anima.
    buon anno

    RispondiElimina
  7. Grazie per questo post, caro Amico. Non immagini (o forse sì?) quanto bene possano fare le genuine parole spese da lettori VERI.
    E avrei voluto essere in ascolto quando la tua amica prof ha chiamato per dirti di quella parte che l'aveva divertita...
    Un abbraccio a te, a lei, a tutti i tuoi lettori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che come piazzista o venditore porta a porta sarei stato una frana: da te mi sarei aspettato un "corro a comprarlo", magari seguito dall'azione, prima di renderti conto che lo avevi già letto.
      Dalla prof ho avuto ulteriori pareri, entusiasti: credo che l'anno venturo, continuando a coltivare la sua goduria per questa lettura, ci scapperanno due panettoni e un paio di bottiglie, il doppio di quest'anno, e la pancetta mia si farà capanna.
      Ricambio ovviamente l'abbraccio, rinnovando l'augurio che il libro abbia il successo che merita.

      Elimina
  8. Ciao Pietro.
    buon inizio innanzitutto.
    Zio scriba ha scritto un libro?
    Non ti prometto di comprarlo o farmelo regalare,perchè leggo raramente e pure di sfuggita!^_^
    Ma se mai mi dovesse capitare di pensarci,sceglierò questo.
    Bacione
    Lu

    RispondiElimina
  9. Caro Pietro, che bella recensione per il libri di zio scriba..lo incontro nei commenti. Sono più che sicura che il libro vale.
    Mi informerò.
    Comunque scrivi stupendamente! Complimenti! Non è una sviolinata è la verità.
    Ciao bel gattone.

    RispondiElimina
  10. sono a buon punto nella lettura del libro di zio scriba; ed ho gustato la tua gustosa citazione
    ciao

    RispondiElimina
  11. Bello averti come amico. :-)
    Buon anno, gatto! :-)

    RispondiElimina
  12. Sicuramente Nik sarà contento di questo tuo originale commento, non la voglio chiamare recensione perché sarebbe riduttivo.
    Io mi sono lasciato il libro sul comodino per leggerlo con calma quando che starò messo meglio con la casa, e anche per un vecchio mio vizio, che consiste -e qui faccio diventare verdi i miei due figli, che appena hanno qualcosa di nuovo tra le mani lo devono consumare, assaggiare, sgranocchiare e gustare, dicono loro- che consiste dicevo nel pregustare lentamente la soddisfazione e perché no la gioia di iniziare a fare una cosa piacevole.
    Comunque ne scriverò, ma non in modo così originale come hai fatto tu, e non fare il modesto, non sei un illetterato, dai!:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella cosa hai detto, Enzo: anche a me piace pregustare, e far durare le vigilie per goderle (da piccolo persino la mattina di Natale volevo aspettare a lungo a letto per far durare la magica atmosfera, facendo incazzare il fratellino minore che voleva ci precipitassimo subito a vedere i regali) ma non avrei mai pensato che ciò si potesse applicare alla lettura di un mio romanzo... :)

      Elimina
  13. Beh è un autore che conosco da un po' essendo anche io nipotina virtuale :)

    Il libro del gatto...azzeccatissimo! Ma quello che ha visto tante albe invece come si chiama?

    Ps. Il primo dell'anno mi sono sollevata sulle punte e ho guardato verso Nord, ma non ti ho visto però XD

    RispondiElimina
  14. Buongiorno.
    C'era il link nelle ultime parole.
    E cmq è questa:

    http://www.youtube.com/watch?v=-Oo_73SlOwk

    Ciau! :-)

    RispondiElimina
  15. interessante questo passaparola

    RispondiElimina
  16. Eccomi di ritorno. Una splendida recensione la tua, piena di suspense ...
    E a parte quella, un post davvero divertente, con la tua descrizione del nientologo.
    Ce ne sono tanti e il fatto è che, mentre tu lo dichiari tranquillamente (ma proprio direi che sei tutto tranne che nientologo)in genere nessuno vuole riconoscersi come tale. Al contrario.

    RispondiElimina
  17. Grazie anche per il commento di oggi :D

    CIAO!!!

    RispondiElimina
  18. Letto tutto e meritava. Conosco Zio, il libro merita di essere letto !!Grazie. Sei un vero amico, lo dico perchè credo in quello che leggo qui. Un saluto.

    RispondiElimina
  19. Grazie anche per il commento di oggi... CIAO!!!

    RispondiElimina
  20. mi hai fatto venire voglia di leggerlo

    RispondiElimina
  21. spettacoloso! ok per il baratto, sentiamoci :D

    RispondiElimina