venerdì 3 dicembre 2010

Percezioni




Mi sono visto esile filo d’erba
piegato dalle brezze della vita
mentre alba sorgeva,
resistere ai neri inverni
e alle lunghe notti senza cielo.

Mi sono visto fragile arbusto
curvato dalle raffiche d’una tempesta
scatenata dall’uomo,
rincorrere orizzonti lontani
ed effimere speranze d’un domani.

Mi sono visto albero forzuto
stendere rami verdigni nell’azzurro
verso il sole,
a proteggere esili fili d’erba
affacciati alle soglie della vita.

Mi vedo vetusta quercia
apparire salda agli uomini in transito
oltre il visibile.
Ma opache eco rimbalzano,
sordi rimbombi al becco del picchio…

… e si sentono i passi del taglialegna.

Angelo Roberto Campiselli (1981)


Dedicata a tutti i tagliatori di mestiere: a chi taglia fondi alla cieca, a chi taglia teste alla rinfusa, a chi taglia stipendi e pensioni, a chi taglia la sanità fregandosene della gente che muore, a chi taglia la scuola perché l'ignoranza crea consenso..... per tutti il taglialegna deve arrivare. Anche per loro.

21 commenti:

  1. Veramente bellissima: possono tagliarci i coglioni finché vogliono, certi suini illetterati, ma l'Arte e la Poesia non moriranno MAI, alla facciaccia loro.
    Grazie per aver proposto questi versi.

    RispondiElimina
  2. Splendida poesia!!!
    Se è vero che l'ignoranza crea consenso (ed è vero!!) spero ci siano sempre più persone come te a combatterla, diffondendo un pò di poesia....

    RispondiElimina
  3. Il taglialegna sa dove tagliare. Il legno secco, buono per il fuoco. Costoro tagliano il legno verde, vitale, che nutre fronde che sono la fonte d'ossigeno del paese.
    Da tempo costoro sono pronti per il taglialegna.

    RispondiElimina
  4. splendida..... non ci sono parole.....

    RispondiElimina
  5. Io vorrei tagliare le loro teste. Sono troppo cattiva?
    p.s. Le parole sono bellissime

    RispondiElimina
  6. io invece comincerei dalle loro palle...sono perfida???

    RispondiElimina
  7. Prima o poi il taglialegna arriva per tutti. Un po' come la lettura del gas e l'iscrizione a Facebook

    RispondiElimina
  8. se si tratta della grande tagliatrice, arriva per tutti

    RispondiElimina
  9. mi spiace sei stato nominato.... :P senza obbligo di catene di sant'antonio

    RispondiElimina
  10. Bella..
    ma per eliminare l'erba cattiva, non è meglio estirpare alla radice? :)

    RispondiElimina
  11. Ehi, gattonero e...prechè non dedicarla anche a ki ha inventato la ghigliottina sperando che presto il boia tagli loro la testa usandola poi come concime per la riforestazione!
    Buona serata.
    Elisena

    RispondiElimina
  12. Poesia, natura, ecologia, sentimenti, cultura ... Viva la vita vera!

    RispondiElimina
  13. Versi bellissimi e putroppo, quanto mai appropiati.
    Mi piacerebbe, per una volta, essere io taglialegna, per eliminare un pò di "alberi" inutili e dannosi e rimboscare, lì dove si è tagliato, con "alberi" fruttiferi.
    Chissà, se Babbo Natale, per una notte mi regala una bacchetta magica per operare questa trasformazione...

    RispondiElimina
  14. Speriamo arrivi in fretta. Altrimenti bisognerà tagliare qualche testa.

    Un sorriso. Antonia.

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia, che non la facciano leggere alla Gelmini però, storpiare pure questa no, per l'amor della dea Poesia!

    RispondiElimina
  16. E' ora che si ribelli tutta la foresta...

    RispondiElimina
  17. Davvero bella e significativa questa poesia.

    RispondiElimina